DETTI ROMANESCHI

1.     “Dimmi un po’, bel bambino, come mai sei in giro da solo a quest’ora ?”. “Perché a casa mia non c’e’ nessuno a quest’ora”. “Ma come tua mamma non c’e’ ?”. “No, fa a mignotta e a quest’ora sta a batte”. “Beh, va beh ma tuo papa’ non c’e’ ?”. “No, lui fa er magnaccia”. “Accidenti, che famiglia, e tuo fratello ?”. “E’ ar Colosseo a spaccia’ coca”. “Doppio accidenti, ma non se ne salva proprio uno di questa famiglia, e tua sorella cosa fa ?”. “Sarta”. “Oh, finalmente una della famiglia con un lavoro normale !”. “No, SARTA DA ‘N CAZZO A N’ARTRO!”.

2.     Due ragazzi di Roma si  incontrano in una discoteca, ed  uno di  questi con un fare furtivo si avvicina all’altro e gli chiede: “Che c’hai a coca?”. Risponde l’altro: “No, cucina mi madre!”

3.     Ma che ne sai delle donne te che c’hai er cazzo coll’impugnatura anatomica.

4.     C’hai ‘na sfiga tarmente granne che se te casca ‘r cazzo te rimbarza ‘n culo. (espressione romanesca equivalente a “Non sei una persona estremamente fortunata”)

5.     In culo te c’entra, ma in testa no.  (dicesi di persona con serie difficoltà di comprensione)

6.     Te do ‘na pizza che quanno te fermi da gira’ i vestiti te so’ passati de moda.

7.     VATTELA A PIJA’ ‘NDER CULO DE RETROMARCIA (espressione romanesca equivalente a “Ti prego cortesemente di liberare questo luogo dalla tua nefanda presenza”)

8.     STAMME A ‘N PARMO DAR CULO(espressione romanesca equivalente a “Il tuo comportamento irritante impone che ti mantenga ad opportuna distanza”)

9.     TE PIO PE’ LE RECCHIE E TE ARZO COME LA COPPA UEFA (espressione romanesca rivolta ad una persona che non e più sopportabile)

10.  STUCCAME ER CORNICIONE DER CAZZO (Espressione romanesca da non usare come complimento)

11.  TE SMONTO E DO FOCO ALLE ISTRUZIONI (espressione romanesca equivalente a “Mi appresto ad una operazione irreversibile sulla tua persona”)

12.  JE PESA ER CULO (espressione romanesca rivolta a persona particolarmente pigra)

13.  E’ SIMPATICO COME ‘NA MANO AR CULO (dicesi in romanesco di persona che ha difficoltà ad integrarsi in un gruppo)

14.  T’HA SVAPORATO ER CERVELLO (espressione romanesca indirizzata a persona che ha detto una grossa cretinata, idiozia)

15.  SEI TARMENTE BASSO CHE TE PUZZENO I PIEDI DE GGEL (espressione romanesca per indicare che la tua statura è inferiore alla media)

16.  C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE NUN TE SE CHIUDE LA CARTA D’IDENTITA’ (o la patente)(hai un naso spropositatamente grande)

17.  C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE SE DICI DE NO A TAVOLA, SPARECCHI (hai un naso spropositatamente grande)

18.  C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE SE ERI ‘NA PECORA MORIVI DE FAME (hai un naso spropositatamente grande)

19.  C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE SI STAVI SU E CENTO LIRE LE DOVEVANO FA’ COR MANICO (hai un naso spropositatamente grande)

20.  C’HAI ‘NA NASCA CHE DA PICCOLO TU MADRE DOVEVA PIJA’ LA MACCHINA PE VENITTE A ‘MBOCCA’ (sono affascinato dalle abnormi dimensioni del tuo naso)

21.  SOLO ‘N GIORNO E GIA’ È PASSATA A LI MICROFONI (detto manesco: dicesi di ragazza ben disposta nello svolgere particolari pratiche orali)

22.  TE FIOCINO ER CULO: frase utilizzata sovente all’inizio di un amplesso.

23.  C’HO ‘L CRATERE CHE ME SBRODA: espressione prettamente femminile per esprimere l’intenzione di avere un rapporto sessuale con un ragazzo

24.  È MEJO CORTO CHE TAPPA CHE LUNGO CHE SCIAQUA (detto romanesco: frase da rivolgere con sufficienza a coloro i quali si vantano di improbabili misure del proprio “membro”)

25.  TE RETTIFICO LA VENA CACATORIA: tiprovocherò lesioni anali permanenti

26.  C’HAI ‘N CULO TARMENTE BASSO CHE TE PUZZA DE PIEDI: se un giorno diventerai famosa, non sarà certo per le doti del tuo fondoschiena

27.  E’ uscito fori mejo pinocchio co’ ‘na sega che te co’ ‘na scopata! (Geppetto si è impegnato più di mamma tua)

28.  SCIAQUA ‘A SELLA CHE STASERA SE CAVARCA: cerca di avere un igiene intima accurata perché ti attende un rapporto sessuale molto intenso e logorante per lo piu rivolto ad una ragazza)

29.  TE CURO CO’ ‘NA SUPPOSTA DE CARNE: se non la smetti infilerò il mio membro nel tuo pertugio anale

30.  C’HAI L’ASCELLA PICCANTE (o COMMOSSA) (Hai un alto tasso di sudorazione ascellare)

31.  C’HO ‘NO STRONZO ‘N FORIGIOCO. (devo necessariamente espletare i miei bisogni fisiologici)

32.  C’HO ‘NO STRONZO CHE STA’ A PACCA’/POMICIA’ COR CULO/+E MUTANDE. (devo necessariamente espletare i miei bisogni fisiologici)

33.  C’HO ‘NO STRONZO CHE ME PARLA IN 7 LINGUE. (devo necessariamente espletare i miei bisogni fisiologici)

34.  A ogni scoreggia che sparo c’ho ‘o stronzo che me fa capoccella. (devo necessariamente espletare i miei bisogni fisiologici)

35.  Detti romaneschi: Ando’ sta’ er cesso che devo da libera’ er prigioniero negro? (potresti cortesemente indicarmi la toilette che ho un bisognino da espletare?)

36.  STO A FA’ ‘N BRACCIO DE SCIMMIA: produrre un escremento che, per lunghezza, colore e diametro, ricorda l’arto di un primate

37.  C’HO ‘NA SVAMPA ‘N CANNA CHE HIROSHIMA ‘N CONFRONTO È ‘NA MICCETTA: il boato conseguente alla mia flautolenza potrebbe avere conseguenze disastrose

38.  FAI TARMENTE SCHIFO CHE QUANNO TE FAI LA DOCCIA LE VERRUCHE SE METTONO LE CIAVATTE: dicesi di persona poco incline alla pulizia del proprio corpo

39.  ME PARI ER CANE DE MUSTAFA’ CHE O PIJA AR CULO E DICE CHE STA A SCOPA’: sei un individuo non molto fortunato e che non dice sempre il vero

40.  FAMO COME L’ANTICHI, CHE MAGNAVANO LE COCCE E CACAVANO LI FICHI (In risposta al quesito sul da farsi, chiamiamo in causa l’antica saggezza dell’Urbe)

41.  MI’ NONNO DICEVA: MEGLIO ER CULOGELATO CHE ‘N GELATO AR CULO (Non fidarti mai di chi non conosci bene)

42.  SE TE VEDE LAMORTE, SE GRATTA: hai l’ingrata fama di iettatore

43.  CHI S’ESTRANEA DA’A LOTTA È ‘N GRAN FJO DE’ ‘NA MIGNOTTA (Colui che non prende parte di buon grado alle scorribande collettive, può andare tranquillamente a darsi fuoco)

44.  Se ‘nvece der vitello te danno er mulo, tu magna, statte zitto e vaffanculo. (proverbio popolare indicante l’unico modo possibile per reagire alle truffe (dal film “Fracchia la belva umana”)

45.  Vocabolario romanesco:

FIODENA (fio de ‘na mignotta): espressione dispregiativa “munita di dignità letteraria” (P. Pasolini)

GIAMAICA (già m’hai cacato il cazzo): mi hai annoiato fino all’insopportabile

MASTICA (ma ‘sti cazzi): la cosa non mi sfiora minimamente

46.  E SI’ MI’ NONNO C’AVEVA CINQUE PALLE ERA ‘N FLIPPER (Commento sarcastico romanesco relativo ad una situazione difficile a verificarsi)

47.  ME PIACEREBBE STA’ 5 MINUTI DENTRO ‘A TESTA TUA PE’ RIPOSAMME ‘N PO’ (mi ritengo particolarmente stanco)

48.  Un Romano ad un altro: “Ao, te piace er pesce sur-gelato ?”. E l’altro: “A me sur gelato ma piace a panna, a cilieggina, maer pesce no!!!”

49.  And what it steals to me – E chemmene frega

Beautiful dry! – Bella secco!

BREAD TO BREAD, WINE TO WINE … pane al pane, vino al vino

BUT DO YOU WANT TO PUT? … ma vuoi mette?

But from when in here? – Ma da quanno’n’qua

BUT MAKE ME THE PLEASURE … ma famme ‘r piacere

But of what! – Ma de che!

But what are you stay to make? – Ma che testai a fa?

But what really really? – Ma che davero davero?

But who makes me make it – Ma chimmelo fa fa

BUT WHO MAKES ME MAKES IT … ma chi me lo fa fa’

BY FEAR! … da paura!

COW DAY – vacca dì

DON’T EXTEND YOURSELF … nun t’allargà

FROM FIRE – da fogo

GIVE IT TODAY AND GIVE IT TOMORROW … daje oggi e daje domani

GIVE TO THE HEEL, GIVE TO THE TIP – daje de tacco, daje de punta

GO TO DIE KILLED … vammorìammazzato

How does it throw? – Come te butta?

I am tired dead – So stanco morto

I DON’T CARE OF LESS … nun me ne pò fregà de meno

I OPEN YOU IN TWO LIKE A MUSSELL … t’apro ‘n due come ‘na cozza

I TELL YOU POPELY POPELY … te ‘o dico papale papale

In four and four eight – In quattro e quattr’otto

It doesn’t enter a dick – Non c’entra un cazzo

IT DOESN’T MAKE A FOLD … nun fa ‘na piega

I’VE MY LEGS THAT ARE DOING JAMES JAMES … c’ho le gambe che me fanno giacomo giacomo

No, I send it to be told to you – No, te lomanno a di

No, whistle – No, fischia

Not even to the dogs! – Manco a li cani!

PLEASE RE-TAKE YOURSELF … aripìjate!

Right to be light – Giusto pe esse chiari

SPEAK LIKE YOU EAT … parla come magni

STAND IN THE BELL, LITTLE BROWN (DARK) … sta ‘n campana, morè

STAY BEEF … stai manzo

THANKS, LITTLE THANKS AND THANKS TO THE DICK – grazie, graziella e grazie ar cazzo

The soul of your best dead relatives – L’anima de li mejo mortacci tua

These dicks – Sti cazzi

Today it’s not air – Oggi non e’ aria

WE ARE AT HORSE … semo a cavallo

WE ARE AT THE SHORT IRONS …  semo a li ferri corti

What a big dicker – Che gran cazzaro

WHEN IT WANTS, IT WANTS … quanno ce vo’ ce vo’

Which God taxi driver! – Che dio t’assista!

Who doesn’t die, is reseen – Chi non muore se rivede

Who has been seen, has been seen – Chi s’e’ visto s’e’ visto

Who wires you! – Chi te se fila!

YOU ARE BASTARD INSIDE – sei bastardo dentro

YOU ARE OUT LIKE A BALCONY … stai fòri come ‘n barcone

YOU GOT MUCH COMPLEX THAN THE FIRST MAY CONCERT! … c’hai più complessi tu ch’er concerto der primo maggio!

You made it the hair – j’hai fatto er pelo

YOU REJUMP ME … m’arimbarzi

PAPER SINGS…. carta canta

50.  Roma. Lei  passeggia spensierata con il gelato in mano, quando un ragazzo la ferma e le dice: “Che me fai da’ ‘na leccata?”. Lei: “No!”. Lui: “E ar gelato?”.

51.  Soprannome – Origine etimologica (1 parte)

ER POMATA persona che adora impomatarsi di gelatina i capelli fino allo stremo

ER PATATA persona paffuta

ER PALLA persona molto paffuta

ER TRIPPA persona paffutissima

ER SARSICCIA persona dal fisico scarsamente definito e dall’andatura goffa

ER CICCIO obeso da guerra

ER VENTRESCA figura possente con stomaco molto dilatato (pericoloso!)

ER SECCO personaggio magrissimo

PALLESECCHE elemento di fisico asciutto e comunque privo di qualunque predisposizione ai rapporti col sesso femminile

ER TROTA ha lo sguardo da pesce (e lo stesso quoziente intellettivo)

QUATTROCCHI portatore di occhiali

ER TIGRE tizio particolarmente irruento dal quale è consigliabile tenersi a debita distanza

ER PANTERA come sopra, forse un po’ più cattivo

ER MURENA come sopra, ma ancora più cattivo de ER PANTERA

ER COBBRA più cattivo del murena

‘A JENA più cattivo del cobbra

ER NUTRIA elemento con gli occhi piccoli, faccia da ratto e sempre dedito a  fare qualcosa (non sempre lecita)

ER PROVOLA è colui che ci prova con tutte, ma proprio tutte, le ragazze del globo non appena ne ha l’occasione

ER LISCIACHIAPPE come sopra, solo che si avvicina da dietro

ER MANDRILLO come sopra, ma si avvicina da tutte le direzioni e sbavando

ER PENNECA persona con addosso unaincurabile sonnolenza endemica

‘O ZOZZONE definizione di un locale particolarmente a buon mercato (chissà perché ?) o di un individuo che non si lava proprio

SFACIOLACAZZI persona poco sopportabile

SCASSACAZZI personaggio particolarmente fastidioso

ER CACACAZZI persona noiosa e petulante

SLOGACAZZI vedi sopra

ER TRINCIAPALLE vedi sopra

CAZZONE elemento che non è proprio il massimo dell’affidabilità

SCULATO la personificazione della fortuna

SFONNATO vedi sopra

ER TROMBA pare che al mondo riesca a fornicare solo lui!

ER TRITASORCHE uno che scopa come un riccio (beato lui!)

ER FANFARA uno che le spara decisamente troppo grosse

ER BUCÌA non dice mai la verità

ER VERITÀ come ER BUCÌA, ma ironico

ER CANTASTORIE dice solo cose non vere

ER MANDOLA persona avvezza a raccontare cose non vere oppure ingrandendole di molto

ER CACCOLA uno che del compiere schifezze ha fatto la propria ragione di vita

ER TRIVELLA lui ce l’ha lungo almeno 30 centimetri più di te

ER CIAVATTA persona sciatta e poco curata

ER MAIOLICA il numero dei suoi capelli è di due cifre

‘O SPLENDIDO nessuno si atteggia più di lui

ER PACCO ha l’abitudine di aggiustarsi continuamente la zona peripubica con le mani e davanti a tutti

ER LECCACULO è disposto a QUASI TUTTO pur di riuscire in ciò che fa

ER MIGNOTTA è disposto a TUTTO pur di riuscire in ciò che fa

ER CASTORO possiede due incredibili incisivi (si dice che si diverta anche a costruire dighe)

ER TROGOLO personaggio immondo che mangia con o senza le mani; le posate non sono mai contemplate

ER MARDEPANZA è molto emotivo ed è per questo che nei periodi di particolare stress scompare per ore nel cesso

ER TAPPO non è un watusso

ER PINNA il suo hobby è impennare con il motorino, quando smette prende il nome di “Er gesso” o “CTO”. È molto comune anche con il significato di  persona dal naso molto grande

SCHIZZO è notevolmente nervoso

ER TRUCIDO raro esempio di maleducazione cosmica unita ad una sensibilità da rinoceronte

ER SERCIO come “er trucido” ma ancora più insensibile

OXFORD personaggio di aspetto fine ma dai modi tipici del proscimmia

PENNELLONE lui è alto, molto alto, con la testa che lassù si sente sola

ER CHIAVICA personcina costantemente dedita ad atti osceni continuati

ER NASCA persona che vista di profilo sembra il Concorde

ER MOLLICA è pacioso, sostanzialmente buono, tutti si approfittano di lui

ER LESCA parla poco ma ammolla molti sganassoni

ER CROCCA come sopra

ER BOCCIA gli piace bere liquidi a qualunque gradazione e con qualunque numero di ottani

ER MARANGA lui sa, lui dice, lui c’è stato, lui già ce l’ha e tu devi stare zitto, brutto idiota! (persona altamente egocentrica)

ER RAZZO guida in maniera illecita

ER MONNEZZA è disgustoso alla vista, al tatto e all’odorato

ER TICCHE possiede una miriade di tic ai quali manca solo musica e regista  per essere resi una telenovela

ER SÓLA non mantiene assolutamente mai ciò che promette

ER LAZZIALE persona che prospetta sempre grandiosi trionfi e si trova, alla fine, con un pugno di mosche (come i laziali)

ER DUCA persona con seri problemi di capigliatura (da ciò trae origine il termine DUCA, che sta per DU’ CApelli, due capelli)

ER CICALONE è colui che non smette mai di parlare

ER CIANCICA essere che si nutre soltanto di gomme da masticare

DUMBO persona con una sporgenza dei padiglioni auricolari particolarmente pronunciata verso l’esterno

TOPO GIGGIO vedi sopra

ER ROSCIO individuo noto per il suo appariscente colore rosso dei capelli

MANZOTIN il più classico dei macellai

ER FAINA persona estremamenteopportunista

ER CANNA VOTA persona estremamenteesile che si piega con un soffio di vento

ER RUCOLO soprannome che si riallacciaalla estrazione contadina della  persona

ER PITONE strisciante e subdolo come una serpe

ER MARESCIALLO persona dallo stomaco dilatato che delega qualsiasi cosa ad altri per non muoversi mai

ER TRIVELLA colui il quale entra in ogni pertugio

ER DOPPIAPIASTRA persona che si rivende immediatamente qualunque battuta udita in giro

ER BANANA persona estremamente dotata sessualmente

ER CEFALONE persona estremamentedotata (fino agli estremi) sessualmente

ER CIOFECA dicesi di persona non molto graziosa e non abituata all’uso dell’acqua per detergersi

ER PECORELLONE tizio laido tendente al viscidone, del quale non bisogna mai fidarsi

ER PUZZONE colui che non vuole accettare la realtà delle cose e va in “puzza”, imbrogliando così il prossimo

ER PANNOCCHIA il biondo più stupido che si possa conoscere

ER CICHITONE personaggio altissimo (idealizzazione personificata di una ciquita gigante)

ER MAZZINGA persona dalla costituzionefortemente robusta

ER PURCIARO colui che non ama spendere i suoi averi. A volte viene anche detto Er Marchiciano

ER VESUVIO raffinatone che flatula come un ciclope

ER TRICOCCIA dicesi di persona la cui cubatura cranica è pari alla torretta di un Leopard

ER CHITARA persona dedita a raccontare frottole (non necessariamente in musica). Usato anche per indicare una persona che si “scorda” tutto, cioè smemorata

ER GABBIBBO soprannome riferito a persona notoriamente e costantemente in eccesso di tessuto adiposo

ER CIPOLLA persona dall’alito poco gradevole

ER CLOACA persona non particolarmente dedita all’igiene personale/persona  dallo stile di vita assai squallido

ER PERTICA persona di notevole altezza e magrezza a dir poco eccessiva

ER BESTEMMIA persona dedita alle imprecazioni e/o al vilipendio

ER CICORIA se tu fai qualcosa ci deve essere anche lui, e quando c’è lo fa meglio di te. Variante di “ER PREZZEMOLO”

ER CACIARA soggetto che riesce, da solo, a produrre un brusio di sottofondo pari ad una cornamusa scozzese stonata

ER TROTANO persona particolarmente stupida

BAMBACIONE persona corpulenta e di carattere mite

ER NUTELLA ragazzo che tende a “spalmarsi” sulle rappresentanti del gentilsesso. Assume anche altri due significati: è un personaggio che conduce gran parte della propria esistenza “spalmato” sull’asfalto a

seguito di cruenti incidenti stradali o anche un individuo dalla carnagione alquanto simile al colore della nutella

BELLI CAPELLI persona che non gode di una folta capigliatura

ER CHIAPPA è basso, largo… insomma sembra una natica personificata

ASSO TRE E RE persona con tic nervosi somiglianti ai segni che si fanno al gioco della briscola

ER PIOTTELLA è noto per la sua abbondante sudorazione ascellare

ER MUFFA dicesi di persona poco dedita alla sua igiene personale

ER CAROGNA persona su cui non si può fare il minimo affidamento; la sua frase preferita è: “t’avrei chiamato io…”

MOMMO persona non molto sveglia

ER MAFIO delinquente, malavitoso, poco di buono

ER BOLO dicesi di persona che mangia come un maiale

ER FEDERA dicesi di persona che dormirebbe anche sui sassi

ER TAZZINA individuo con menomazione fisica (senza un orecchia)

ER LESSO dicesi di persona perennemente stordita da sostanze chimiche varie

ER BUFERA persona il cui sproloquio crea notevoli spostamenti d’aria

PANZACALLA persona tipicamente grassa

ER PRINCIPE persona apparentemente regale, in realtà una fogna

ER FOGNA personaggio allegro ma un po’ incurante della sua persona

ER COTICA persona vorace, ingorda ma nello stesso tempo sudicia e lercia

ER BORO persona dall’aspetto tipicamente stravagante ovvero ignorante

ER PEZZETTA uomo in perenne stress

ER CINGHIALONE persona con una consistente quantità di peli in ogni parte del corpo

ER PAPPOLA persona avvezza a raccontare avventure o fatti mai accaduti (fregnacce)

ER FREGNONE persona dall’acume non troppo sviluppato

RAY CHARLES persona con evidenti problemi visivi

ER NEGRO uomo di razza bianca dalla carnagione molto scura oppure persona costretta a lavorare molte ore al giorno

VENTICIELLO colui che è solito fare la spia oppure chi le spara grosse, ma non con la bocca!

ER CAMMELLONE persona molto alta dal portamento curvo

ER CARITAS colui che indossa vestiario che sembra usato oppure non è di marche conosciute

ER PARIOLINO persona che indossa solo vestiti e scarpe di marca e frequenta locali alla moda

ER MEDAJA dicesi di persona che usa portare una quantità eccessiva di catenine ed affini

ER FRAGOLA persona che tende spesso ad arrossire dalla vergogna

ER COCCOINA non te lo scrolli di dosso manco a cannonate

BOSTIK vedi ‘ER COCCOINA’, noto pure come ‘ER CIANO’ (da Cianoacrilica)

ER MITRAJONE personaggio con un tragico difetto alla favella

‘A SMANDRUPPATA donna stagionata dai facili costumi che ce l’ha davvero larga e sfatta

ER CICALA uno che se la canta un po’ troppo

ER PASTICCA persona dedita allo spaccio e uso di sostanze allucinogene

ER TOSSICO come Er Pasticca, ma non spaccia

ER CONTE persona nota per le sue espressioni non propriamente aristocratiche

LUNGARELLA ragazza magrissima ed alta, come la lungarela, attrezzo usato per “spegnere le candele” più alte

CUCCUMA colui che in ogni occasione pensa solo a mangiare

ER MASCELLA individuo di sano appetito

TESTASECCA persona che ha la testa sproporzionata rispetto al corpo

ER SACRA SINDONE persona abituata a riutilizzare, senza lavare, i propri  abiti

LO SCEVOLA è talmente tirchio che pur di non pagare si taglierebbe una mano

ER MANNO persona molto grassa, barese, che va in vacanza preferibilmente al nord

ER BRUCIATO personaggio consunto dall’assunzione di diverse sostanze

ER BRADIPO persona estremamente lenta

ER MUSCOLETTO dicesi di individuo dalla muscolatura quasi inesistente

TRIPANZICO persona notevolmente grassa, che fa supporre l’esistenza di tre pance una sopra all’altra

ER TONNO persona con la capacità (incontrollata) di rimanere con la stessa espressione per ore ed ore

MANDRACHE personaggio dotato di molta inventiva e fantasia

ER GITANO persona nota per i suoi modizingari

ER CATENA dicesi di persona avvezza all’uso dell’omonimo accessorio di sicurezza del ciclomotore come strumento contundente

ER FIATELLA D’EGGGITTO persona molto propensa a non lavarsi i denti

ER MOLAZZA colui che divora con la massima voracità tutto ciò che gli capita a tiro

PALLESUDATE individuo con le gambe a ‘X’

ER GENGIVA persona con l’apparato ortodontico facilmente individuabile

ER PUSTOLA tizio afflitto da una feroce e devastante acne

ER LISSIO dicesi di persona che, a causa della sua intensissima e soddisfacente vita sessuale, mantiene sempre un aspetto fresco e solare, caratterizzato dall’avere una pelle estremamente liscia e vellutata

ER CRAVATTA dicesi di persona dedita allo strozzinaggio e all’usura

ER TROIANTROPO personaggino fine amante dell’amore a pagamento

ER PUNTINA colui che fa cantare le femmine come un impianto Hi-FI

ER VENTOSA persona decisamenteappiccicaticcia e invadente

ER CURTURA persona dotata di spiccate velleità d’onniscienza

ER MEDUSA slavato, capellone, ripugnante. Insomma, è come ‘na medusa!

ER CHIAPPETTA persona fortunata

ER CAROTA dicesi di individuo alto, magro e dal colorito non propriamente sano

ER PULOVER persona villosa fino all’estremo

ER SOTTENE uno che si distrugge con lecanne

ER MACCHIA individuo poco attento all’igiene personale

MASTROLINDO tipico buttafuori da discoteca costellato di muscoli

ER SIRINGA persona leggermente incline ad appoggiarsi economicamente agli amici

ER CORATELLA persona di buon cuore

ER PENOMBRA uno che non parla mai e si tiene alla larga dai fatti degli altri

ER LAMA persona che sputa spesso

ER PAGNOTTELLA persona che mangia continuamente panini

ER SÒLA persona assolutamente inaffidabile

ER PALUDE persona poco avvezza all’uso del sapone

ER LEUCEMIA persona dalla carnagione di colore particolarmente smorto

ER TREMARELLA individuo che trema come se avesse il Morbo di Parkinson

ER ZANZA rompipalle come le zanzare

LA CONTESSA ragazza conosciuta non certo per la sua raffinatezza

ER POCALUCE persona che non ci vede un cavolo (proviene da Trastevere)

ER COTOLETTA è eternamente dedito a mangiare come un orco

ER MORTADELLA persona perennemente grondante di sudore sia che si trovi in esercizio sia a riposo

ER PIALLA persona che usa pettinarsi in modo alquanto geometrico

ER QUAJA persona dal capo particolarmente piccolo

ER TRAMONTANA persona la cui provenienza è di origine nordica

ER TRECCIA persona munita di uno strumento riproduttivo di enormi dimensioni (deriva da “Giulietta e Romeo”. Lui a Romeo avrebbe detto “Attàccate a ‘sta treccia”)

ER TOVAJA persona dalla caratteristica camicia simil tovaglia da pizzeria

ER CAPOCCIONE persona dotata di una testa di misura spropositata

ER PROSTATA (o ER POZZETTA) persona dedita ad orinare sempre ed in ogni luogo (creando la classica “pozzetta” nel luogo in cui agisce)

ER CHIOMA persona dotata di una capigliatura piuttosto folta

ER PASSEROTTO persona con una pancia pronunciata ma con le gambe magre

LO SGARATO persona che ha addosso una cicatrice evidente (le cui cause reali sono tenute nascoste con cura!)

LA SGARATA ragazza che ha perso la verginità ormai da lungo tempo

ER TEMPESTA persona che soffre notevolmente di meteorismi

ER MENTUCCIA persona che sta sempre in mezzo, in ogni situazione

ER MAPPAZZA colui che al mare indossa lo slip aderente, con notevole protuberanza

ER VESCICA persona che sente spesso il bisogno di orinare

ER CIPOLLA colui che “si te pija te fa piagne”

ER BUJACCARO persona poco fine

LA BOFONCHIONA ragazza di facili costumi, con peculiarità ben lungi dalla bellezza e dalla raffinatezza

ER DITO personaggio fastidioso come un dito della mano inserito nelle terga

ER CALZOLAIO persona che riesce con le donne… (se le calza)

ER CAMBIALE persona da cui ci si libera con difficoltà

ER FILINI persona con scarse capacità organizzative (collega di Fantozzi)

ER PANZEROTTO soggetto dalle dimensioni simili a quelle di un Panzer

L’ARROVINATO persona da poco sposata, quindi spacciata!

ER CAVERNA persona molto pelosa che nasconde creature malvage nei propri anfratti

ER SOLERO punk dalla chioma particolarmente colorata

TARZAN l’homo: capello lungo e unto, canotta attillata, ascelle e petto villosi, fisico da pescatore di latterino

ER GINNICO personaggio casa e palestra

ER ZOTTA colui che ruba tutto agli amici

OCCHI SVERTI persona che ha la capacità di copiare tutti i compiti velocemente

ER PIOTTA persona dedita all’attività della raccolta degli spicci

ER MEZZAPIOTTA persona che riesce sempre a scroccarti il caffè al bar. Normalmente dedida all’accattonaggio di soldi spicci

ER FRAPPA persona che ha un naso particolarmente grosso

ER CANAPPIA persona che ha un naso particolarmente storto

ER PIPPA persona dedita ad abusare di pratiche masturbatorie

ER SOTTOTRACCIA persona particolarmente bassa

ER MOVIOLA persona piuttosto lenta e impacciata nei movimenti

ER CHAT persona che fa della “parola” una ragione di vita (la sua)

ER MENZOGNA persona dedita al male nelle sue più piccole sfaccettature

ER CAVALLO persona con evidenti problemi al mento

ER FLAPPE individuo con delle orecchie che fuoriescono vistosamente come i

flap degli aerei

ER CROCCHETTA persona che usa abbronzarsi con raggi UVA e UVB sino ad

assumere il colore e la consistenza di una crocchetta ben rosolata

52.  Soprannome – Origine etimologica (2 parte)

ER TROMBETTA persona che non sa trattenere confidenze altrui                                                                                             ER CACIOTTA persona che ama la campagna e le pecore

ER VISCONTE persona estremamente”ligia” alle regole del galateo

ER MAGNAMMERDA trattasi di persona di bassezza morale e sguardo poco sveglio  che “mangia gli escrementi” e critica la cioccolata

ER PROSPERO persona dal colore dei capelli rosso come la capocchia di un  fiammifero

ER MOLLETTA personaggio particolarmente pericoloso ed irascibile che  “stende” chiunque gli capita davanti

ER MAGNATESTA personaggio che ha sul prossimo un’incedenza comunicativa  simile a quella di uno schiacciasassi

ER CREATINA soggetto dalla muscoltatura sviluppata e andamento rigido con pose da palestra

ER CINETICO persona che non riesce a star fermo neanche per un attimo

ER TESTAUNTA persona con capelli ingelatinati oltre ogni limite oppure personaggio poco dedito al lavaggio della capigliatura

L’AMBURGMEN dicesi di persona grassa che vanta di saper andare in moto

‘O SCAGAZZANO persona altamentepaurosa

ER BRUSCHETTA persona con ustioni e bruciature in faccia

ER MI’ ZIA dicesi di persona talmente brutta o messa male (tipicamente “ubriaca”, “strafatta”, etc.) che “me pare mi’ zia”

ER PISTONE persona dotata di un consistente apparato di piacere

ER CEPPA persona particolarmente dotata sessualmente

ER GIANNA persona che veste scamiciata anche per temperature ambientali al di sotto dello zero. Dicesi “gianna” quella forte e fastidiosa brezza fredda invernale

ER LUMACONE persona che lascia una scia di bavetta dietro alle donne oppure una persona particolarmente lenta nel compiere le azioni

ER NEVE persona con abbondanti quantità di forfora (versione invernale)

ER FORMAGGERA come “ER NEVE” (versione gastronomica)

ER MONGORFIERA soggetto enormemente grasso

ER PORCOSPINO persona coi capelli tagliati a spazzola (spesso tenuti ben “irti” mediante abbondante uso di gel)

‘O SCAROLA persona dalla capigliatura riccia (come un cespo d’insalata scarola)

ER TORERO CAMOMILLO dicesi di persona che a parole è coraggiosissima (come lo è appunto il torero di fronte al toro), ma che si nasconde di fronte al minimo fruscìo. Tale espressione deriva da una famosa canzoncina dello “Zecchino D’Oro” dell’anno 1968

LA ROTOLOSCIA femmina particolarmente grassa e dalla capigliatura color Biscardi

ER FANDOMÌA la persona più bugiarda che ci sia (da fandomìa = bugia)

ER BISCIA personaggio maschile particolarmente dotato in fatto di sesso per la lunghezza del suo membro

ER ZALAMORTE persona estremamentemagra della quale in controluce si possono contare le costole

ER LAMPADA persona calva

ER BALOCCHIONE persona estremamentemiope con occhiali dalle lenti spessissime

ER DINDA persona particolarmente paffuta; “dinda”, da dindarolo o salvadanaio

ER GOMMA persona dedita a fenomenali sgommate con il motorino

ER GUFO persona con occhiali molto spessi e una cecità spesso accentuata. Dicesi anche a persona ritenuta apportatrice di malasorte

ER MOZZARELLA persona dalla carnagione bianca come il famoso formaggio

RANOCCHIETTO colui che salta gli appuntamenti

ER PUPAZZO persona incline a mostrarsi eccessivamente simpatica ed espansiva, ma con scarsi risultati

SPADINO appellativo affibbiato al giovane noto per la sua scarsa prestanza genitale

ER FARCOCCHIO l’unica persona al mondo che non dice di no a niente

ER GAZZOSA persona con capelli crespi e scompigliati come la gazzosa appena aperta

ER DAMIGGIANA persona obesa con la testa piccola

ER BOIA persona che non perdona gli errori degli altri… e appena può li fa pagare a caro prezzo

ER PEZZA persona a cui piace dormire, e che sta sempre sotto la pezza  (coperta) calda

ER MIAGHI dicesi di persona occidentale con fisionomia nipponica (ispirato al film Karate Kid)

ER ZAGAGNA colui che è dedito a pratiche di masturbazione

ER KOALA dicesi di persona che non fa mai nulla nella vita, come i koala che  non fanno altro che stare attaccati agli alberi stando immobili

ER LOCUSTA persona considerata una piaga sociale

ER LOQUACE persona dalla parlantina eccessivamente rarefatta

ER CANNETTA persona che fa uso costante di sostanze psicotrope

ER BURINO personaggio che vive nelle campagne laziali

ER PANZA persona più larga che alta

SCHIANTATOPE dicesi di persona particolarmente abile con le ragazze (topa, come sinonimo di gnocca, passera, patata, boschiva, salagiochi, ciccia baffetta, ecc.)

ER BAVOSO ragazzo molto tirchio

ER SONNO dicesi di persona che passa almeno la metà della giornata dormendo

ER VIRUS dicesi di persona facilmente incline alle malattie stagionali

ER BAZZUCONE elemento stracolmo di buchi o brufoli

ER TAJOLA tipica persona dalla dentatura pronunciata ed atta a tagliare qualsiasi cosa

ER CAZZARO persona su cui non si può fare affidamento a causa delle sue bugie

ER MADAMA nella comitiva è colui chepresta o ha prestato servizio militare nella polizia di stato

ER CECIO persona che dedica gran parte della giornata ad emettere flatulenze

MARADONA non ti passa la palla a calcetto neanche se lo minacci con un bazooka; la sua frase tipica è: “e a chi la passo?”

ER SALLUCCHIONE persona la cui intelligenza è simile a quella di un insaccato

NAPOLI persona consona a fregarsene di figuracce pur di fregare il prossimo

ER CALLARO persona propensa a raccontare storie poco credibili

ER PERNACCHIA persona particolarmente incline alla stronzata. Praticamente, quando parla gli scurreggia il cervello, cioè perde la cognizione della razionalità

ER NAPALM persona che riesce ademettere flatulenze silenziose ma dall’odore quasi letale

ER BOLLA persona robusta dall’evidente fisico a sfera

ER MOFLONE persona in carne, antipatica, zozza e rompipalle

ER PASTARELLA individuo propenso al grande consumo di dolci

ER COLIBRÌ persona molto “graziosa” e “delicata” nei suoi movimenti (in senso ironico, naturalmente)

ER PANDORONE dicesi di ragazza dai fianchi botticelliani che tradiscono la  predilezione per i dolci

ER FACIOLO sembra un fagiolo con le gambe e le braccia

ROBBOCOPP dicesi di chi non è particolarmente agile o svelto

ER DUCE persona alquanto bassa (ER DU’ CEntimetri)

ER PAROLA persona che racconta tantissime bugie

ER FUSAIA colui che abusando di sostanze psicotrope assume la tipica tonalità giallognola

ER BIONICO colui che in seguito a un incidente stradale è stato addizionato di periferiche metalliche

ER FORCISE dall’inglese “four cheeses” (quattro formaggi), indica soggetto emanante fetore da secrezione con retrogusto caseario (pecoreccio)

ER MANNARO persona dall’evidente allupamento costante. Dicesi anche a persona di mezza età che osserva in maniera eccessivamente affettuosa i pargoli che gli capitano a tiro (in questi casi è consigliato sparare a vista)

ER PIACIONE persona piuttosto avanti con gli anni che fa troppo il gentile e il disponibile con le pischelle

ER MAFRODITO persona dall’aspetto ambiguo tale da non capirne il sesso

ER POPPO individuo che parla in continuazione senza arrivare mai alla fine del discorso (po…po…po…po)

RANTOLO dicesi di persona costantemente dedita a lamentarsi di tutto (la compagnia, il ristorante, etc.)

ER BONSAI uomo di statura piuttosto bassa

ER PRIMARIO persona che ha competenze illimitate in ogni campo e non perde occasione per farlo notare agli altri

ER LAVANDINO persona che mangia voracemente… e di tutto!

ER MORFINA persona capace di addormentare semplicemente parlando

ER CIAMMARUCA persona che ha sempre la bavetta ai lati della bocca

ER PADELLA persona particolarmente abile tra i fornelli

I MANZI tipicamente diffuso nel quartiere della Garbatella, si riferisce a coppia assai sfigata; da “I Promessi sposi” di Manzoni, quindi “Manzi”

SCUCCHIONE persona con mento a guisa di bulbo da petroliera

RIMBALZINO persona con una gamba più corta dell’altra

ER BUCATINO persona dedita all’uso di sostanze psicotrope via endovena

ER TANAJA persona scarsamente propensa a cedere alcunché di suo

ER MANDRAKE lui sa sempre cosa fare in qualsiasi momento, escogita qualsiasi piano

ER GOLDON persona incapace di volere e quindi di esistere

ER GOMMONE persona tipicamente paffuta e resistente a tutti i cazzottoni degli amici

ER BIETOLA persona repressa, inconsistente e dall’espressione stupida

ER PUGNETTA colui che è spesso dedito a masturbarsi

ER COTENNA persona dall’epidermide discretamente resistente

ER QUAQQUERA persona che in caso di periocolo espleta bisogni defecatori di poca consistenza

ER CIOCIA persona abitudinaria, nata stanca e monotona (ciocia = pantofola)

ER PUTTO persona di statura minuta, dalla pelle rosea e ipotricotica

ER PUCCHIACCHIA persona fissata con l’organo genitale femminile

ER PUTRELLA persona che se vista di profilo ha poca presenza

ER CHAICA er Chaica (C’HAI CApito ‘n cazzo), ironico, persona che non ha un quoziente intellettivo sufficientemente sviluppato per inserirsi nei discorsi più comuni

ER MATRIOSKA da matrioska, tipica bambolina russa che contiene altre bamboline. Adatto a tutti coloro che sono talmente grassi che se li apri ce ne trovi altri cento!

‘A SFACIOLATA donna di facili costumi (vedi “smandruppata”)

ER MANGUSTA come la mangusta, è apparentemente tranquilla e bonaria, ma sempre pronta a scattare di fronte alla minima imbruttita

ER PLASTICUME dicesi di persona politraumatizzata che ha subito numerosi  interventi di chirurgia ricostruttiva

ER GALLINACCIO persona che roppe le scatole al momento meno opportuno

ER PINASCA uomo dal grande naso (nasone)

ER PUZZETTA persona che emette flautolenze dall’odore abominevole e a  tradimento

ER FAGO persona animalesca dedita alla perenne distruzione del proprio corpo

ER PACCA persona che manifesta sintomidi abbondante sudorazione tale da  avere le ascelle perennemente pezzate

STAMPELLONE persona molto alta e con gambe talmente secche che somigliano a  stampelle

PIO VIII ex pilota di formula uno in pensione

ER MODIFICA persona a cui piace truccare motorini e non solo!

ER SELLERONE famosissimo soprannome usato per persone grandi, grosse e goffe

ER FRACICONE persona di grande bassezza morale o anche scarsa condizione  fisica

ER BOCCIONE personaggio goffo e di scarso acume nonché tardo di riflessi

‘A ZOPUTRA la ZOccola, PUttana e TRoiA

ER FAGGIANO persona credulona e di scarso acume

ER LECCAMORCHIA con riferimento a umori corporei, persona untuosa, lasciva, viscida e adulatrice (esiste realmente)

ER CHIAPPECALLE personaggio propenso a “piazzarsi” in situazioni comode e di sicuro vantaggio, senza dare nell’occhio

ER BISTECCONE locuzione assai comune per indicare persone alte e massicce

ER FREGNACCIARO persona portata a raccontare storie poco credibili  (fregnacce)

ER SENZASENZO persona dal comportamento palesemente assurdo

ER TORDO persona credulona e propensa a farsi raggirare con facilità

BARABBA persona alquanto losca e dai trascorsi oscuri

‘A BBROCCOLARA donna dai modi non propriamente aristocratici

BBARATTOLO individuo di scarsa statura e costituzione tarchiata

ER NIFFI è uno che sniffa

ZUCCHIVENDOLO individuo alquanto brutto con notevoli tendenze per le zucchine (gay)

ER FRISO persona notoriamente taccagna

ER VICHINGO individuo palestrato e dal capello lungo, dal “genuino” aspetto nordico

ER PANTEGANA dicesi di individuo non avvezzo alla cura ed all’igiene della persona

ER PIOVRA persona che tende ad allungare le mani su ragazze di qualsiasi genere ed età, specie nella confusione della discoteca (detto anche er mano morta)

ER GOBBO dicesi di persona con una grande prorompenza sulla schiena

ER SAMBUCO dicesi di persona magra e appunto “storta” come una pianta di sambuco

ER SMAMMELLA persona che va tremendamente matto per le tette grosse

ER PINGUINO persona che mangia i gelati in tutte le stagioni

ER FIALA colui che non riesce a trattenere l’aria contenuta nello stomaco

ER SETTEPOSE persona afflitta da una moltitudine di tic nervosi

(Kardy)

53.  Quanno e’ giornata da pijallo ‘n culo er vento t’arza la camicia. (Quando è giornata di prenderlo nel didietro il vento t’alza la camicia)  (Detto Romano)(Marco Navigli)

54.  Romani. Sulla corriera Eur-Nettuno. All’autista, una ragazzina che vuole scendere dalla porta posteriore: “A Capooo! Che m’apri de dietro?”. L’autista: “Come no! E se vieni qua, t’apro pure davanti!”.

55.  Ragazzo: “Aho, c’hai er culo ch’e com’er sono de ‘n mandolino!”. Ragazza: “Si ma pe’ te nun sona!”. Ragazzo: “E ce lo sapevo ch’era rotto!”.

56.  Te devi fa un clistere de ceramica, cosi’ diventi un bel cesso de’ lusso. (TomasMilian in “Delitto al ristorante cinese”)

57.  Mandrake: “A Poma’, c’hai ‘na faccia…!” Pomata: “Sì, se ce n’avevo due già stavo all’università… sotto spirito!”. (da “Febbre da cavallo”)

58.  Ah Mafa’, c’ho certi cazzi che manco te che sei esperta li hai visti mai… (Gigi Proietti “Mandrake” in “Febbre da cavallo”)

59.  La filosofia del Coatto (10 regole per vivere bene)

1) Dormi più che poi (chi dorme nun pia pesce ma quanno se sveglia pia quello che hanno pescato l’artri.)

2) Fermati spesso (chi si ferma è perduto e, a esempio è più difficile ritrovallo – si quarcuno per caso o dovesse cercà)

3) Cambia spesso abitudini, sennò tecambiano loro – gioca d’anticipo (chi lascia la strada vecchia pe la nova, si è nova, a esempio nun ce sò e buche)

4) Onora, rispetta madre, padre e, parenti, se e solo se ch’hai un credito cò loro.

5) Lavora sempre un po’ meno della tua soglia minima de sopportazione; o ricordate de abbassà ciclicamente i livelli di detta soglia.

6) Nun te incazzà coi deboli, nun te incazzà coi forti, NUN TE INCAZZA’ PROPRIO. Se proprio te devi incazzà fallo un giorno prima de le ferie, e ricorda, i deboli fanno finta, domani saranno forti, quindi menaje subito, nu li fà cresce.

7) L’erba der vicino è sempre sua, fumatela subito sennò quer fesso der vicino a taia o ce mette le statue dei sette nani.

8) Non tutti i mali vengono per nuocere, quindi tutte e vorte che hai fatto male a quarcuno, nun te sembra, ma gliai fatto bene, perciò nun te stà a preoccupà, che te frega.

9) Aiutati che tanto nun te aiuta nessuno, ricorda infatti che Dio è onnipresente, quinni se voleva te aiutava prima.

10) Nun scaià mai la prima pietra si nun sei sicuro da piallo BENE. Se no è meio che te la conservi pe dopo.

60.  Un mio amico romano dicendomi di aver fatto l’amore con due vecchi preservativi che aveva nello zaino mi disse: “E pure questi… se li semo levati dar cazzo!”

61.  A Roma. Ragazzetto: “A nonno,  c’hai l’anni der cucco!”. Vecchietto: “A pise’, a ricordete che mojono piu’  abbacchi che pecore vecchie”.

62.  A Roma. Lui: “Ammazzete quanto  sei brutta!”. Lei (indispettita): “No! E comunque so bella dentro!”. Lui  (di rimando): “E allora scuojete e famme vede!”.

63.  A Roma per la strada un tizio con l’auto cambia marcia grattando rumorosamente e una ragazza, dal marciapiede, gli urla: “Oh, che hai cambiato?”. E lui: “No, sto sempre co’ quella troia de tu’ sorella!”.

64.  In un’osteria di Roma. Un cliente rivolgendosi all’oste: “Aho, portame da beve che sto lucido come ‘n  mocassino!”.

65.  Io guidavo. Una  bodrillona attraversa la strada. Il mio amico accanto a me: “Aho, mettila sotto, che si je giramo ‘ntorno nun ce basta ‘a benza!”.

66.  A Roma un ragazzo: “Ammazza che culo!”. E la ragazza sorridente, voltandosi: “Te piace?! Vie a  casa co’ me che mi’ padre te ‘o fa tale e quale!”.

67.  Romani ad Ostia. Ragazzo: “Sara, viette a fa’ ‘r bagno”. Ragazza: “No, è che c’ho la patata co’ ‘r ketchup”.

68.  Un romano arriva all’aeroporto di Milano e si reca dal tabaccaio. “Che, m’allunghi un pacco de svapore”. “Cosa?”. “M’allunghi un pacco de ciospe”. “Che?”. “Aoo, quelle robbe che se fumano, le zanne, come l’antitolate voi?”. “Qui a Milano di chiamo sigarette” risponde il tabaccaio, porgendo gentilmente il pacchetto di sigarette. Il romano estrae una sigaretta dal pacchetto e rivolgendosi al tabaccaio “Che, c’hai na’ pietra focaia?”. “Cosa vuole?”. “Vienime cor foco, famme impizzà”. “Qua si chiama accendino”. “Scusame, milanese precisino de sto cazzo, come chiamate voi ai rompicojoni?”. “Non li chiamiamo, arrivano da soli da Fiumicino”

69.  Le 5 regole d’oro dell’impero romano

1     “Lavora sempre un po’ meno della tua soglia minima de sopportazione, ricordate de abbassa’ ciclicamente i livelli di detta soglia.”

2      “Nun te incazza’ coi deboli, nun te incazza’ coi forti, NUN TE INCAZZA’  PROPRIO. E ricorda, i deboli fanno finta, domani saranno forti, quinni  si  proprio devi,  menaje subito, nu li fa’ cresce.”

3     “Non tutti i mali  vengono pe’ nuoce, quindi tutte le vorte che hai fatto male a quarcuno, nun  te sembra, ma je hai fatto bene, percio’ nun te sta’ a preoccupa’, che te  frega.”

4     “Aiutati che tanto nun te aiuta nessuno. Ricorda infatti che  Dio e’ onnipresente, quinni, se voleva te aiutava prima.”

5     “Nun  scaja’ mai la prima pietra si nun sei sicuro da piallo BENE. Sinno e’ mejo  che te la conservi pe dopo.”

70.  Er Natale è a festa mia: se famo i regali, se famo l’auguri, se famo tutti!

71.  Peccato che cachi, sinno’ saresti popo ‘n ber soprammobbile. (Sei completamente inutile!)

72.  Sei tarmente grassa che tu’ madre ‘nvece de iscrivete all’anagrafe e’ dovuta anna’ ar catasto. (Sei cosi’ grassa che tua madre invece di iscriverti all’anagrafe e’dovuta andare al catasto)

73.  Sei tarmente zozzo che Ace gentile nun te fa gnente. Te ce vo’ Ace ‘ncazzato. (Sei cosi’ sozzo che Ace Gentile non ti fa niente. Ti ci vuole Ace Incazzato)

74.  Sei tarmente bassa che nun te metti li Tampax sinno’ anciampichi su ‘a cordicella. (Sei cosi’ bassa che non ti metti il Tampax, seno’ inciampi sulla cordicella)

75.  Sei tarmente basso che quanno t’allacci ‘e scarpe devi arza’ le braccia. (Sei cosi’ basso che quando ti allacci le scarpe devi alzare le braccia)

76.  Si te metti le carze a rete me pari ‘n arosto. (Sei cosi’ grassa che se ti metti le calze a rete mi sembri un arrosto)

77.  SEI TARMENTE BRUTTO CHE SE T’AVVICINI AR COMPUTER PARTE L’ANTIVIRUS!!

78.  Sei tarmente brutto che quanno sei nato nun c’era l’ostetrica, ma l’esorcista!

79.  SEI PIU’ BRUTTO DELL’AURELIA CONTROMANO

80.  SEI TARMENTE BRUTTA CHE SI TE PIJANO A ‘N’AGENZIA DE MODELLE TE FANNO FA’ L’ANTIFURTO

81.  SEI PIU’ BRUTTO TE CHE NATALESENZA REGALI

82.  SEI COSI’ BRUTTO CHE SI ENTRI AR VATICANO ER PAPA TE SCOMUNICA

83.  FAI TARMENTE SCHIFO, CHE QUANNO TE SPECCHI NER TEVERE, MUOIONO PURE LI PESCI

84.  LA MATINA SE FA ER TRUCCO CO’ ‘R LIMONE

85.  SEI TARMENTE BRUTTO CHE TUA MADRE QUANNO HA VISTO ARRIVA ‘A CICOGNA, L’HA PRESA A SASSATE

86.  Sei cosi’ brutto che ‘e zanzare tepizzicheno co’ l’occhi chiusi.

87.  La natura fa brutti scherzi, ma a te t’ha proprio preso pe’ ‘r culo!

88.  SEI TARMENTE STUPIDO CHE SI VAI AR CINEMA E LEGGI “VIETATO AI MINORI DI 18” RITORNI CO’ 17 AMICI. (Affermazioneromanesca nel caso il Tizio/Tizia sia particolarmente stupido)

89.  ESSE STUPIDI E ‘N DIRITTO, MA CERTO CHE TE TE N’APPROFITTI. (Affermazione romanesca nel caso il Tizio/Tizia sia particolarmente stupido)

90.  C’HAI LA CAPOCCIA TARMENTE VOTA CHE SI TE METTI LI TAPPI PE’ L’ORECCHIE TE CASCHENO DENTRO. (Affermazione romanesca nel caso il Tizio/Tizia sia particolarmente stupido)

91.  C’HAI DU’ CROMOSOMI ‘N TESTA CHE GIOCHENO A DAMA. (Affermazione romanesca nel caso il Tizio/Tizia sia particolarmente stupido)

92.  SEI SIMPATICO COME ‘NA LETTERA MINATORIA (Affermazione romanesca nel caso il Tizio/Tizia sia particolarmente antipatico)

93.  C’HAI DU’ RECCHIE TARMENTE GROSSE CHE SE CE CAPIVI DE DIGITALE VEDEVAMO TELE+ (Affermazione romanesca nel caso il Tizio/Tizia abbia le orecchie davvero grosse)

94.  C’HAI DU’ RECCHIE CHE VICINO A TE ER CELLULARE PIJA A PALLA. (Affermazione romanesca nel caso il Tizio/Tizia abbia le orecchie davvero grosse)

95.  C’HAI ER FISICO DA SOLLEVATORE DE POLEMICHE.

96.  E’ ROBBA CHE PE’ SPORT TIRI ER RISO A LI MATRIMONI

97.  C’HAI ‘N FISICO DA DOMATORE DE VONGOLE

98.  C’HAI ER FISICO DE ‘N LANCIATORE DE CORIANDOLI

99.  Sei cosi’ brutto che quanno sei nato tu’ padre invece delle partecipazioni ha mannato un bijetto de scuse a tutti li parenti…

100.                Fai tarmente schifo che quannot’hanno partorito nun eri tu che piagnevi, ma tu’ madre.

101.                A Roma. Lui: “Ao’, c’hai un culo che parla!”. Lei. “E che te manna a mmori’ ammazzato!”

102.                Sei tarmente brutta che bisogna guardatte cor decoder.

103.                Sei cosi’ stronzo che si acciacchi ‘na merda fai scopa. (Non ti stimo affatto)

104.                Nun sei pelato, e’ che c’hai la riga larga. (Sei una persona con pochissimi capelli)

105.                Aho, pare ‘no scojo. (Dicesi di una tavolata composta da ragazze molto brutte: cozze attaccate allo scoglio)

106.                C’hai ‘na caccola pe’ cervello. L’urtima volta che te sei soffiato er naso sei rimasto deficiente. (Non brilli in intelligenza)

107.                C’hai l’occhi che se stanno a tampona’ (Sbaglio o soffri di un leggero strabismo?)

108.                Te faccio clona’ e poi meno a te e a quell’artro. (Userò la tecnologia genetica per poterti picchiare due volte)

109.                Nun c’ho tarmente ‘na lira che si moro me sotterano co’ la capoccia de fori perche nun c’ho li sordi pe’ la foto. (Ho talmente pochi soldi che non mi posso permettere neanche una tomba dignitosa)

110.                Si te la tiri ‘n artro po’ la poi usa’ come ‘na fionna. (Sei una ragazza che sta troppo sulle sue)

111.                L’arivedi quanno er cazzo mette l’unghia. (Non credo che te lo restituirò)

112.                Ma che c’hai nelle mutande, ‘a pasta d’a pizza?  (Sarebbe dunque giunta l’ora che smettessi di toccarti i genitali)

113.                Abbiti ‘na liana dopo Tarzan. (Latua dimora non è in tutto e per tutto pratica da raggiungere)

114.                Te sei magnato quarcosa de triste. (Dalla tua flatulenza evinco che il tuo ultimo pasto non è stato propriamente leggero)

115.                Detti romaneschi: Tte do’ ‘n carcio ar culo che se per aria nun te porti da magna’ te mori de fame. (la potenza del mio piede e’ direttamente proporzionale all’irritazione dovuta alla tua presenza)

116.                Realmente accaduto a Roma a bordo della metro A. Una signora espone il biglietto integrato giornaliero al controllore chiedendo: “Mi scusi, con questo posso viaggiare tutto il giorno?”. Controllore: “Si nun ch’hai ‘n cazzo da fà….Si”.

117.                “Capo, famme ‘n panino co la mortazza”. “Te spacco er culetto?”. “No, no, damme du’ etti de pizza bianca”

118.                Ce vedi? Si’! Allora vedi d’annà affanculo! Ce vedi? No! Allora vedi d’annà affanculo a tastoni!!!

119.                Ero in Autobus, a Roma, d’estate. Improvvisamente sale una ragazza mora, molto bella, in minigonna. Io ero in piedi e quella appoggia il culo a una sbarra di sostegno, di fronte a me, divaricandosi. Io butto l’occhio ripetutamente e quella, che aveva gli occhiali da sole e fingeva di guardare da un’altra parte, se ne accorge e mi fa, ridendo: “Aho’de che colore so’?”. Eio: “E chemme frega der colore: so’ dartonico ma mica so’ frocio”. (Sghignazio)

120.                Coatto romano: “Che la volete sentì na fregnaccia? Frugate nelle mutande de vostra nonna!!!”

121.                C’HAI ‘NA NASCA CHE CE POI FA ER SARTO COLL’ASTA

122.                C’HAI ‘NA NASCA CHE SEMBRA ‘N PASSAGGIO A LIVELLO

123.                C’HAI ‘NA NASCA CHE SI’ TE SDRAI CE PIJI TELETOKIO

124.                C’HAI ‘NA NASCA CHE SUR TRAM CE SE TIENE LA GENTE

125.                C’HAI ‘NA NASCA CHE SE NUOTI A DORSO PARI ‘NO SQUALO

126.                AMMAZZETE CHE NASCA; CHE DIO TE L’ACCRESCA, COSI’ CI’ANNAMO A PESCA

127.                In mezzo ar traffico c’è ‘r tipico romano ‘ncazzato che dà una serie de clacsonate inutili perché nun c’è pòpo spazio pe’ fermasse. Dopo la quarta e quinta clacsonata, quello co’ ‘r motorino davanti a lui (che ormai era rincojonito dal frastuono) je dice: “A capo, er clacson funziona, mo’ prova ‘mpò li fari!?”

128.                Sentita a Porta Maggiore, Roma. Al semaforo una macchina in prima fila non parte nonostante sia diventato verde da un po’, e uno da dietro: “A moro, c’avemo solo quei tre colori: è ‘scito ‘r verde, che volemo fa’?”

129.                Sentita sulla Boccea. Un tizio di mezza età a bordo di una 156 rivolgendosi al vecchietto a bordo di una vecchia 600 ferma al semaforo: “Che aspettamo, che se mette ‘n moto l’asfarto pe’ annassene da ‘sto ‘ncrocio!?”

130.                Realmente accaduto in via Nomentana. Un signore alquanto anziano resta immobile con la sua macchina allo scattare del verde e il ragazzo di dietro con una macchinetta alquanto sportiva abbassa il finestrino, si sporge e esclama: – A nonno, guarda che più verde de così nun diventa!

131.                Ad un semaforo a Roma: “A nonno! Se pò sapè quale tonalità de verde stai a aspettà pe spostà sto scallapizzette daa strada!”

132.                Insulto in una strada trafficata di Roma: Ma sona sulla panza de tu madre gravida con l’ossa de li meglio mortacci tua! (Pesante insulto finalizzato al coinvolgimento del maggior numero possibile di parenti vivi, morti e nascituri)

133.                SEI COSÌ BRUTTO CHE NUN TE SORRIDONO MANCO LI SOFFICINI: Voglio esprimerti tutta la mia umana vicinanza perché immagino sia frustrante essere stato l’unico bimbo a cui i “Sofficini” non hanno sorriso. È un riferimento a un celebre spot pubblicitario.

134.                N GIORNO LE RAGAZZE SCRISSERO SUI MURI “VE ‘A FAREMO PAGÀ!”. E L’OMINI J’ARISCRIVETTERO “E QUANNO MAI CE L’AVETE DATA AGGRATISE?”: Caratteristica espressione metropolitana per esprimere tutta la solidarietà maschile verso il gentil sesso

135.                VATTELA A PIJÀ ‘N DER CULO TE E TUTTO L’ARBERO GENEALOGICO TUO, DA ‘A RADICE ALLA CHIOMA: Ti esorto ad andare per la tua strada con la compagnia di tutta la tua stirpe

136.                HAI VISTO PIÙ COMETE CHE FREGNE: Le ragazze, da sempre, proprio non ti considerano

137.                SEI COSÌ CORNUTO CHE SI TE VEDE ‘N CERVO VA ‘N DEPRESSIONE: Il destino ha voluto che le tue donne ti fossero costantemente e ostinatamente infedeli

138.                TE DO ‘NA PIZZA CH’ER TELEFONINO TUO DA FAMILY DIVENTA ORFANY: Mi sto accingendo a picchiarti in maniera alquanto violenta

139.                QUELLA È LA TU’ RIGAZZA, O TE C’HANNO VOMMITATO ACCANTO?: Complimenti: a tua ragazza, ammesso che sia una ragazza, non passa certo inosservata

140.                CHE DIO CE LA MANNI BÒNA E POSSIBBIRMENTE SENZA MUTANNE: Tipico augurio di buona fortuna. Spesso utilizzato in casi di estrema necessità

141.                TRA TANTI SPERMATOZOI TU’ MADRE HA SCERTO PÒPO ER PIÙ COJONE: Violenta espressione offensiva che denota la stupidità genetica della persona con cui si sta parlando

142.                SEI COSÌ BRUTTO CHE SI LANCI ‘N BOOMERANG QUELLO CE PENSA DU’ VÒRTE PRIMA DE TORNÀ ‘NDIETRO: La tua bruttezza non lascia insensibili nemmeno gli oggetti inanimati che si guardano bene dallo stare a stretto contatto con te

143.                Ma ar posto der DNA che c’hai ‘a catenella der cesso arotolata? (La tua natura più interiore ha radici genetiche riconducibili a qualcosa di poco nobile)

144.                È LA TU’ RIGAZZA O STAI A FA’ VOLONTARIATO?: Ti confesso di non condividere pienamente le tue scelte in materia sentimentale

145.                FATTE ‘A MAPPA DE LI DENTI, CHE MO’ TE LI MISCHIO: Ti sto per picchiare al volto

146.                ME SO’ BUTTATO SUR LETTO COME INZAGHI IN AREA DE RIGORE: Essendo veramente stanco mi sonoletteralmente buttato sul letto. Molto efficace il riferimento con il mondo calcistico

147.                SEI TARMENTE PIATTA CHE DE REGGISENO NUN C’HAI ‘A PRIMA, MA ‘A RETROMARCIA: La taglia del tuo reggiseno non può essere misurata con le unità di misura convenzionali a causa della totale assenza di seno

148.                TE FACCIO PASSÀ ‘N MEZZO A ‘N INCROCIO DE SCHIAFFI CHE NUN SAI MANCO A CHI DEVI DA’ ‘A PRECEDENZA: Ti percuoterò pesantemente

149.                SEI COSÌ BRUTTO CHE TU’ MADRE, QUANN’ERI REGAZZINO, TE METTEVA NER PASSEGGINO E SE VERGOGNAVA TARMENTE TANTO CHE TE MANNAVA ‘N GIRO CO”R TELECOMANDO: La tua bruttezza è tale da spingere i tuoi genitori a non riconoscersi come tali

150.                ARIVI COME ‘N RUTTO DOPO ‘NA SPRAIT!: Ti stavamo proprio aspettando. Si noti che il breve lasso di tempo che intercorre tra il bere la famosa bibita “Sprite” e l’emissione del fatidico “rutto” viene equiparato alla sbrigatività di colui che sopraggiunge

151.                SEI TARMENTE GRASSA CHE SUR CELLULARE ‘NVECE DE “TIM” T’HANNO SCRITTO “TIR”: Non sei affatto simile ad una top-model. Ti consiglio pertanto di fare una bella dieta

152.                SEI TARMENTE BRUTTO CHE L’OSTETRICA QUANNO SEI NATO ‘NVECE DE DA’ ‘NO SCHIAFFO A TE, L’HA DATO A TU’ MADRE: Dicesi di persona non propriamente di aspetto gradevole.

153.                SEI COSÌ STUPIDO CH’ER CÒRE TUO SE STA A DOMANNÀ SE VALE ‘A PENA DE POMPÀ TUTTO QUEL SANGUE AR CERVELLO: È inutile che ti sforzi in quantola tua insufficienza intellettiva non può essere colmata in nessun modo

154.                QUANNO È GIORNATA DA PIJALLO ‘N CULO ER VENTO T’ARZA SEMPRE ‘A CAMICIA: Se la giornata nasce sotto una cattiva stella è inutile ribellarsi al destino che l’avrà sicuramente vinta

155.                AHÒ, MA CHE TE SEI MAGNATO LE UNGHIE? C’HAI L’ALITO CHE GRAFFIA!: Dovresti porre maggior attenzione nell’igiene orale

156.                C’HAI LE TETTE CHE TE FANNO “BANGI-GIAMPING”: Hai il seno totalmente calato; in gergo metropolitano è anche detto “a recchie de cocker” per la sua similarità con le orecchie della nota razza canina

157.                SPERO CHE DOMANI MATINA TE SVEJA SAN PIETRO: Spero che tu muoia al più presto

158.                A PINOCCHIO, GIRATE DA ‘N’ARTRA PARTE CHE ME STAI A CECÀ: Stai mentendo spudoratamente

159.                SEI TARMENTE BRUTTO CHE QUANNO TU’ PADRE T’HA PORTATO ALLO ZOO J’HANNO DATO DU’ ELEFANTI DE RESTO: La tua bruttezza è notevole e non riesco a guardarti nemmeno per un attimo.

160.                MA CHE C’HAI ‘N GRATTA&VINCI NELLE MUTANNE?: Elegante perifrasi da rivolgere a persona eccessivamente dedita allo smucinìo delle proprie zone erogene.

161.                Je sto a scureggia’ a banda larga. (Analogia con il mondo delle telecomunicazioni: lo stato di indisposizione che genera flautolenze è tale da paragonarlo alle connessioni a Internet superveloci)

162.                Na vòrta me stavo a fa’ ‘n giro pe’ strada e su ‘na vetrina ce stava ‘n libro ‘n cui ce stava scritto: “COME VINCERE LA DROGA”. Allora me so’ ‘mbucato dentro alla libreria e j’ho chiesto: “Quanta se ne po’ vince?”.

163.                ANVEDI CHE CIELO, ME PARE QUELLO DE WINDOV 95! (contemplazioneromantica di una coppia, in genere sdraiata a pancia in su in un bel prato)

164.                QUALE CAZZO DE TINTA DE VERDE STAI A ‘SPETTA PE’ POTE TOJE ‘STO CAZZO DE SCALLAPIZZETE DA ‘A STRADA? (ti faccio notare che il semaforo e verde)

165.                MA CHE T’ASCIUGHI LI CAPELLI CO’ ‘A CARTA DE ‘A PIZZA? (i tuoi capelli sono unti in modo impressionante)

166.                C’HAI ER FISICO DA SCARTATORE DE CARAMELLE (CIOCCOLATINI) (non brilli per prestanza fisica)

167.                C’HAI L’ASCELLE PROTETTE DA LEGA AMBIENTE (e giusto che l’ecosistema floro-faunistico sotto le tue braccia venga tutelato da associazioni ambientaliste)

168.                QUANNO RIDE PARE ‘N CRUCIVERBA (sono piu i denti che gli mancano che quelli sani)

169.                SE LI STRONZI VOLAVANO ATTERRAVI A FIUMICINO (sei davvero una persona ingrata)

170.                SEI TARMENTE BRUTTO CHE TU’ PADRE AR FIRMINO DE QUANDO FACEVI UN ANNO C’HA MESSO COME COLONNA SONORA X-FILES (sei talmente brutto che ancora non hanno capito se sei un uomo o un alieno)

171.                SEI TARMENTE BRUTTO CHE SI TE SPECCHI E LE PULCI TE VEDONO, SE BUTTANO DE SOTTO P’AMMAZZASSE (la tua bruttezza e enorme)

172.                SEI PEGGIO DE ‘N RIGORE AR NOVANTASETTESIMO (non sei un gran che bella)

173.                SI TE UNISCONO LI PUNTI NERI ‘N FACCIA ESCE FORI ER DISEGNINO DE ‘A SETTIMANA ENIGMISTICA (hai molti punti neri)

174.                TE GONFIO COSI TANTO CHE SI TE PIJA QUELLO DER GRUPPO HEVIA CO’ TE CE SONA PE ARTRI TRE CD (ti provochero un tale dolore fisico che al termine della mia operazione potrai essere paragonato ad una zampogna, lo strumento prediletto dal musicista del gruppo Hevia)

175.                AHO, ‘STE ZUCCHINE VONNO SAPE SE ‘R FRUTTAROLO HA PAGATO ER RISCATTO! (mi hai detto di cucinare con quello che trovavo nel frigo ma l’aspetto e l’odore degli ortaggi mi lasciano intendere che tu li abbia conservati oltre il tempo utile)

176.                MA CHE, ER SEMAFORO CE L’HANNO DIPINTO? (accidenti, questo semaforo non scatta mai!)

177.                SEI TARMENTE BASSO CHE C’HAI LE SUPERGA ZOZZE DE GEL (non sei certo una persona conosciuta per la sua altezza)

178.                MA CHE C’HAI DENTRO A LA CAPOCCIA, ‘A CASSETTA DE L’ELEMOSINA? (il tuo quoziente intellettivo non e tra i piu alti)

179.                CO’ TUTTA QUELLA FORFORA ADDOSSO A NATALE TE FAI ER PRESEPE SU ‘A SPALLA (sei talmente pieno di forfora che ti cade sulle spalle)

180.                SEI TARMENTE PALLIDO CHE L’OMINO BIANCO HA PRESO CORAGGIO E HA APERTO ‘N SOLARIUM (vista la tua carnagione alquanto chiara ti esorterei aduna seduta di doccia solare)

181.                C’HAI LI DENTI SCORREVOLI (hai pochi denti)

182.                AHO, HAI PRESO PIU CAZZI TE CHE ‘N PAPPAGALLO D’OSPEDALE! (seiuna donna di facili costumi)

183.                SO’ ANNATO A RISORVE (espressione in romanesco per “Hoespletato le mie funzioni fisiologiche liquide)

184.                NUN C’HO TARMENTE ‘NA LIRA CHE SI MÒRO ME SOTTERANO CO’ LA CAPOCCIA DE FÒRI PERCHÉ NUN C’HO LI SORDI PE’ LA FOTO: Ho talmente pochi soldi che non mi posso permettere neanche una tomba dignitosa

185.                SI TE LA TIRI ‘N ARTRO PO’ LA PÒI USÀ COME ‘NA FIONNA: Sei una ragazza che sta troppo sulle sue

186.                PECCATO CHE CACHI, SINNÒ SARESTI PÒPO ‘N BER SOPRAMMOBBILE: Sei completamente inutile

187.                Sei tarmente brutto che quannosei nato t’hanno messo dentro ‘n’incubatrice coi vetri oscurati!

188.                Strappa filetti (insulto romanesco per donna di dubbio mestiere)

189.                Sta a cazzo dritto che piove fregna (espressione romanesca equivalente a “Devi svegliarti”)

190.                Te metto un bastone ar culo e te sventolo come una bandiera (Espressione romanesca che equivale a “Te meno”)

191.                Varda tu che buiolo ! (Guarda che bella ragazza)

192.                Te do na pizza che te faccio arresta pe vagabondaggio (Te meno)

193.                Sei arto come du’ formiche a cavacecio! (persona molto bassa)

194.                Sei tarmente brutto che se te vede il sole tramonta alle 2 (p.m) (persona alquanto brutta)

195.                C’hai er culo cosi’ basso che caghi bicchieri sani (data la distanza dal suolo del tuo culo oggetti fragili come bicchieri non si rompono certo!)

196.                Sei così brutto che nun te soride manco n’sofficino findus (sei molto brutto)

197.                Te do n’carcio n’panza che t’apro come no startak (se ti prendo ti faccio del male)

198.                A Fata……….a Fatta male……. ( piu’ o meno “Non sei brutta”)

199.                Sei un angelo caduto dal cielo… ma sei propio cascata de faccia. (sei un angelo ma sei abbastanza brutta)

200.                A bionda beato che te monta… e se te monto io beato er cazzo mio… (espressione romanesca che significa piu’ o meno: “Scopo mejo de Rocco Siffredi!!!)

201.                Si te dò na cricca, devi chiede un mutuo pe la fisioterapia… (espressione romanesca che equivale a “Ccon una percossa ti disarticolo tutto che i tuoi fondi bancari non basteranno per pagare la rieducazione motoria”)

202.                Sei talmente brutta che se tedevede la morte se gratta le palle!!!!!! (ragazza non molto bella)

203.                SEI TARMENTE BRUTTO CHE TU’ PADRE AR FIRMINO DE QUANDO FACEVI UN ANNO C’HA MESSO COME COLONNA SONORA X-FILES: sei talmente brutto che ancora non hanno capito se sei un uomo o un alieno

204.                SE LI STRONZI VOLAVANO ATTERRAVI A FIUMICINO (sei davvero una persona ingrata)

205.                A MATINA TE PETTINI CO’ LO SGUARDO: dicesi a individuo afflitto da vistosa calvizie. Usato anche verso persone molto restie a pettinarsi

206.                QUALE ***** DE TINTA DE VERDE STAI A ‘SPETTA PE’ POTE TOJE ‘STO ***** DE SCALLAPIZZETE DA ‘A STRADA?: ti faccio notare che il semaforo e’ verde

207.                Un romano vede per la prima volta una macchina Smart: “Aho, ma che e’, hanno alzato il prezzo del tonno in scatola?”.

208.                Sei cosi’ brutto che tu’ madre, quann’eri regazzino, te metteva ner passeggino e se vergognava tramente tanto che te mannava ‘n giro co’r telecomando.

209.                TE PIJO PELLE RECCHIE E TE SCARTO COME ‘NA GOLIA (Il tuo atteggiamento mi ha irritato, per cui credo opererò un movimento rototraslatorio sulle tue estremità auricolari)

210.                TE PARCHEGGIO ‘NA MANO IN FACCIA: vedi sopra

211.                TE RIVORTO COME ‘N CARZINO/’NA CARZA/TE APRO COME ‘NA COZZA: rivedi sopra

212.                TE APRO COME ‘NA SDRAIO/TE CHIUDO COME ‘NA GRAZIELLA: rivedi sopra

213.                ME T’APRO COME ‘N DIVANO LETTO/’NA COZZA/’NA TELLINA: rivedi sopra

214.                TE SPORVERO/TE SPARECCHIO LA FACCIA: ti prendo a ceffoni sul viso

215.                TE APRO COME ‘N FIASCO DE VINO/’NA DAMIGIANA: rivedi sopra

216.                TE GONFIO COME ‘NA ZAMPOGNA/TE SUCCHIO COME ‘N GAMBERETTO: rivedi sopra

217.                TE DO ‘NA PIZZA CHE T’ARESTANO PÈ VAGABONDAGGIO

218.                TE ‘NFILO ‘NA MANO ‘N CULO, TE SFILO LA SPINA DORZALE E TE CE FRUSTO: rivedi sopra

219.                TE STACCO LE BBRACCIA E TE CE MENO: rivedi sopra

220.                TE FACCIO ‘N BUCO ‘N TESTA E ME TE BEVO COME ‘N’OVETTO FRESCO: rivedi sopra

221.                TE METTO ‘N DITO ‘N BOCCA, UNO AR CULO E TE SCIAQQUO COME ‘NA DAMMIGGIANA: vedi sopra

222.                TE PIJO PÈ LI BUCHI DER NASO E T’ARIBBARTO COME LI PORPI: mi hai fatto perdere la pazienza a tal punto da spingermi a sottoporti allo stesso trattamento che subiscono i polipi (gli si rovescia la testa per ucciderli)

223.                TE GIRO COME ‘NA TROTTOLA CHE QUANNO TE FERMI I VESTITI SO’ PASSATI DE MODA: tramite un’abrasione maxillofacciale ti procuro un movimento rotatorio durevole nel tempo

224.                TE FACCIO DÙ OCCHI NERI CHE SE TE METTI A MASTICA’ ER BAMBÙ TE PROTEGGE ER WWF: ti sto per fare due vistosi ematomi sugli occhi

225.                ME TE METTO ‘N TASCA E TE MENO QUANNO CIO’ TEMPO: indica disprezzo per la consistenza fisica dell’avversario

226.                T’ATTEGGI, T’ATTEGGI MA SUR CAZZO MIO NUN CE SCUREGGI: “non darti troppe arie che con me non attacca”

227.                SI’ TE PIJO TE SDRUMO: se hai a cuore la tua salute, evita di passarmi accanto

228.                TE DO ‘N CARCIO AR CULO CHE TE CE LASCIO DENTRO ‘A SCARPA: il mio piede sta per raggiungere violentemente le tue natiche.

229.                TE DO LI SCHIAFFI A DUE A DUE FINCHÈ NUN DIVENTENO DISPARI: ti faccio male all’infinito

230.                TE DO ‘NO SCHIAFFO CHE ‘R MURO TE NE DA’ ‘N’ALTRO: percuoterò il tuo viso con una tale forza che riceverai una spinta uguale e contraria dal muro accanto a te

231.                TE STACCO LI DITI E CE GIOCO A SHANGAYE: mi hai fatto arrabbiare

232.                C’HAI PIÙ COMPLESSI DER CONCERTO DER PRIMO MAGGIO: dicesi di persona che si fa molti problemi inutili

233.                TE FICCO DÙ DITI NER CULO, TE APRO COME ‘NA BOLLETTA DER GAS E ME TE LEGGO L’INTESTINO: tramite la sodomia, voglio risvegliare l’aruspice (indovino che legge il futuro nei visceri degli animali sacrificati) che è in me

234.                TE METTO ‘NA MANO AR CULO E TE PORTO A SPASSO COME ‘N CREMINO: voglio dimostrare a tutti la mia superiorità nei tuoi confronti

235.                SONA ‘N MEZZO ALLE COSCE DE TÙ MOJE CHE CE STA PIÙ TRAFFICO: smettila di suonare il clacson della tua automobile

236.                M’HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO: mi hai palesemente seccato

237.                SOLO ‘N GIORNO E GIA’ È PASSATA A LI MICROFONI: dicesi di ragazza ben disposta nello svolgere particolari pratiche orali

238.                STO A FA’ ‘N BRACCIO DE SCIMMIA: produrre un escremento che, per lunghezza, colore e diametro, ricorda l’arto di un primate

239.                SE TE VEDE LA MORTE, SE GRATTA (Hai l’ingrata fama di iettatore)

240.                TE PIO PE’ LE RECCHIE E TE ARZO COME LA COPPA UEFA: riferito a persona che non e più sopportabile

241.                Nella vita glande scienza è soplattutto la pazienza. (Tomas Milian in “Delitto al ristorante cinese”)

242.                LI TREDICI COMANNAMENTI DE LI ROMANI

Voia de lavora’ sartam’addosso

Er lavoro e’ fatica

Se nasce stanchi e se vive pe riposa’

Ama er letto come te stesso

Riposa er giorno pe dormi’ a notte

Si vedi chi riposa, aiutelo

Nun fa’ oggi quello che poi fa’ domani

Nella vita cerca de fa poco e quer poco fallo fa’ all’artri

Quanno te vie’ voia de lavora’, mettete a sede’

e aspetta che te passa

De troppo riposo nun e’ mai morto nessuno

Quello c’ha nventato a fatica e’ morto d’ampezzo

Si er lavoro e’ salute, viva a malattia

Pe’ evita’ de affaticasse troppo se consia de

legge la presente lentamente o mejo de fassela legge.

243.                Sei così stupido che se vai ar cinema e leggi “vietato ai minori di 18”, ritorni co’ 17 amici.

244.                A chicco, famme compra’ ‘na vocale sennò chi te capisce!?

245.                Ma che c’hai sotto l’ascelle, er mondo de Quark?

246.                So’ 25 anni che sei brutto! Nun tesei rotto li cojoni?

247.                In mezzo al traffico c’e’ il tipico romano arrabbiato che da’ una serie di colpi di clacson inutili perché non c’e’ proprio spazio per fermarsi. Dopo il quarto-quinto colpo di clacson, un tizio su uno scooter davanti a lui (che ormai era assordato dal frastuono) dice: “Aho’, sona in mezzo alle cosce de tu’ sorella, che c’ha piu’ traffico!!!!”

248.                Le corna so adesso un vanto: / tutti ce l’ hanno / vor dì che tu moje è no schianto, / se nun ce le hai, è t’è concesso, / vor dì che tua moje è un cesso.

249.                Roma…piazza di Spagna…due amici stanno chiaccherando del più e del meno….ad un certo punto passa accanto a loro una donna con un seno molto prosperoso ed a uno degli amici scappa di dire: “MA CHE E’ TUTTA ROBA TUA?” La donna sentendolo si volta verso di lui e con gentilezza risponde: “perché TU PER CASO HAI I COGLIONI IN SOCIETA’????”

250.                Coppia di coatti in spiaggia è in vacanza a Porto Cervo. Lui: “Amo’, ma ‘naa vedi che acqua! A Ostia manco da lirubinetti esce così!”

251.                Scena vista in una pizzeria di Roma. Commesso (dopo aver tagliato la pizza): “La magni?”. Cliente: “No, esco fòri e ‘a butto!”.

252.                Al semaforo di Viale Aventino. Il primo della fila non si decide a partire e quello dietro gli urla: “‘Ahò, quann’esci dar coma facce ‘na telefonata!”

253.                Due amici al mare, uno di Ostia e l’altro di Fiumicino, muoiono di caldo e decidono assieme di andare a fare il bagno. Al momento di entrare in acqua il ragazzo di Fiumicino nota che quello di Ostia non sa nuotare e gli urla sbeffeggiante: “Ahooò, sei pòpo ‘n’idiota. Sei de Ostia e nun sai nòtà?”. E il ragazzo di Ostia prontamente gli risponde: “Perché, te che sei de Fiumicino sai volà!?”

254.                Sei tarmente chiappona che se Patric De Gajardo se metteva ‘e tu’ mutanne ar posto der paracadute, mo’ era ancora vivo. (Hai i fianchi larghi)

255.                Sei tarmente brutto che se te vede Dario Argento ce fa ‘na trilogia. (Turbozaura)

256.                Ma è la tu’ ragazza o hai truccato er pit bull? (Turbozaura)

257.                Roma, doposcuola per ragazzini. L’educatore: “Bambini, oggi vi insegno a fare un animaletto con la carta!”. Un bambino: “L’origami?!”. E lui: “No, non ‘o rigamo, ‘o piegamo!”

258.                Te do ‘n carcio ar culo che pe ridamme la scarpa te devi pija’ er Guttalaxe !

259.                “A signò, sei n’ pedone, mica n’ arfiere !”. (autista romano a donna che attraversava in diagonale)(Monica Capo)

260.                Ao! Quanno inauguri er cervello fammi sape’ che te regalo ‘na pianta!

261.                “Riso imbottito? Io co ‘sti ditoni che m’aritrovo ar massimo posso fa i cocommeri imbottiti…”. (Bombolo in “Delitto al ristorante cinese”)

262.                “So ito pure a suonà al conservatorio de santa Cecilia”. “A si? E come è annata?”. “Eh ho sonato, ho sonato, ma non ha aperto nisciuno”. (Tomas Milian alias l’ispettore Nico Girardi in “Delitto al ristorante cinese”)

263.                “Ma come ti porto al ristorante cinese e tu ordini fascioli co’ le cotiche ?!Penne all’ arrabbiata e coda alla vaccinara !! “. (Tomas Milian alias l’ispettore Nico Girardi in “Delitto al ristorante cinese”)

264.                Se il vino non lo reggi, l’uva te la devi magna’ a chicchi.

265.                “Amò, perché parli in questo modo arcigno?”. “Ar cigno? Quale cigno, drogata?!”. (GaspErCarbonaro)

266.                “Amò, che staffà?”. “Me sto a ossiggenà li pormoni!”. “E checce devi da fa coi pormoni bionni?!”. (GaspErCarbonaro)

267.                Un romano che sta passeggiando vede da dietro una donna molto sexy. Accelera il passo, la sorpassa, la guarda da davanti e vedendo tutt’altro che una bella donna, le grida: “Aaaa bugiardaaaa!” (a Roma dicono “Dietro liceo, davanti museo”)

268.                In ufficio, dovevo telefonare aduna cliente per sapere il suo luogo di nascita, chiamo e mi risponde un ragazzino che mi dice che la madre non c’è. A quel punto gli chiedo: “Sai dove è nata mamma?”. “Certo, risponde lui, e”nata a fa’ ‘a spesa”. (Giovanna Agriformi)